Gloria, condannata a morire

Ho il terrore che mi rimandino in Nigeria. Non potrei curarmi. Mi lascerebbero morire, in fretta. Ma anche in questo posto non resisto: ho l’Aids e un fibroma, sono obesa e anemica, la tiroide non funziona bene.

Così aveva detto Gloria ad una giornalista entrata in febbraio nel lager bolognese di via Mattei.

E’ stata deportata, con l’inganno, qualche giorno fa…

This entry was posted in Bologna, Cie e deportazioni. Bookmark the permalink.