Bologna, 12 dicembre: processo non accidentale alle anarchiche e agli 
anarchici

Nel 42° anniversario dell’orrenda strage di Piazza Fontana, che i tribunali 
italiani hanno decretato essere senza responsabili, a Bologna comincerà il 
processo alle compagne e ai compagni anarchici del Centro di documentazione 
Fuoriluogo.

Poco importa che quella data sia uno scherzo del destino o una coincidenza non 
casuale: rilevante è che, a distanza di quarant’anni, lo Stato capovolga la 
storia portando sul banco degli imputati compagne e compagni che si sono spesi 
generosamente nelle lotte contro lo sfruttamento, le nocività e i Cie-lager 
della democrazia.

L’attacco alle compagne e ai compagni di Fuoriluogo, accusati 
di “associazione per delinquere”, oltre ad essere un’operazione sporca e 
manipolatoria è anche un segnale chiaro a tutte e tutti coloro che si 
riuniscono in collettivi e gruppi informali per contrastare lo stato di cose 
esistente.

Come compagne, femministe e lesbiche ci schieriamo apertamente dalla parte di 
Fuoriluogo

– perché con queste compagne e questi compagni abbiamo condiviso un tratto di 
percorso nella lotta contro i Cie, nel pieno rispetto delle reciproche 
specificità e senza dover fronteggiare alcun tentativo di egemonia;

– perché per noi la vera associazione criminale è quella di chi devasta, 
saccheggia, militarizza e bombarda le vite e i territori in nome del profitto e 
degli interessi di pochi;

– perché siamo consapevoli del nostro essere “fuorilegge” nel momento in cui 
abbiamo scelto di contrastare, senza mediazione alcuna, la violenza patriarcale 
dello Stato, dei suoi apparati e dei suoi servitori in divisa;

– perché non ci interessano né la spartizione del potere né le briciole 
istituzionali offerte alle donne per addomesticarle e farle complici di un 
sistema fondato sull’ingiustizia di classe e sul suprematismo razziale;

– perché sappiamo che la montatura orchestrata ai danni delle/dei Fuoriluogo è 
la prova generale della gestione repressiva del conflitto sociale che va 
allargandosi e radicalizzandosi, una gestione repressiva che non risparmierà 
nessuna/o e davanti alla quale è eticamente urgente prendere una posizione 
netta ed esprimere solidarietà attiva a chi ne è attualmente colpita/o;

– perché, come donne autodeterminate, conosciamo fin troppo bene la strategia di 
intimidazione, criminalizzazione e repressione di chi non accetta di piegarsi 
alle norme dominanti: la storia delle caccia alle streghe e dell’internamento 
delle donne ribelli ne è testimonianza.

A tutto questo vogliamo anche aggiungere il nostro disgusto nei confronti 
delle infami operazioni giornalistiche che hanno sostenuto l’operazione 
giudiziaria contro le/i Fuoriluogo. Innanzitutto da parte di quei pennivendoli 
che, all’indomani delle perquisizioni e degli arresti, di una compagna che 
apprezziamo e stimiamo ne hanno fatto un ritratto volutamente caricaturale e 
perverso, proprio in quanto donna e donna “matura”. E poi anche da parte dell’
Espresso che, con il pretesto di un’inchiesta sui “black bloc”, ha ritratto 
le/i Fuoriluogo come un gruppo di fanatici squadristi, razzisti e sessisti, 
allo scopo di delegittimare e screditare con l’infamia non solo questi compagni 
e compagne, ma anche chi, come noi femministe e lesbiche, ne ha condiviso un 
tratto di strada.

Il 12 dicembre saremo in piazza a Bologna, al fianco delle compagne e dei 
compagni di Fuoriluogo e facciamo appello alle compagne, femministe e lesbiche 
che lottano contro le gabbie e le violenze dello Stato patriarcale perché 
partecipino al presidio indetto in piazza del Nettuno a Bologna a partire dalle 
ore 10.00 – o, in alternativa, ad organizzare nei propri territori iniziative 
di solidarietà con le/i processati e contro questo sistema di profonda 
ingiustizia sociale, di repressione e di controllo.

Noinonsiamocomplici

Coordinamenta femminista e lesbica di collettivi e singole-Roma

Collettivo Femminista Magliana-Roma

GLF- Gruppo di lavoro femminista-Roma contro i Cie e contro il controllo sociale

Alcune compagne milanesi

 

(leggi qui il comunicato Il 12 dicembre 2011 lo Stato processa gli anarchici, con gli appuntamenti bolognesi)

This entry was posted in Bologna, repressione. Bookmark the permalink.